Questo sito utilizza cookie (propri o di altri siti) per salvare informazioni e tracciare dati di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok

Anziani

I problemi di stomaco legati al passare del tempo

In età avanzata insorgono spesso problemi di stomaco, perché la motilità intestinale si riduce, i fattori di protezione dello stomaco si indeboliscono, si è più soggetti ad attacchi batterici e possono insorgere varie patologie. Sono insomma normali conseguenze del generale invecchiamento dell’organismo. Non c’è però bisogno di lasciarsi abbattere. Si possono infatti adottare comportamenti virtuosi per prevenire queste problematiche e, al bisogno, assumere Biochetasi per alleviare i sintomi.

problemi tipici

Tra le problematiche gastriche più diffuse con il passare dell’età si segnalano:

Difficoltà digestive

causate da diversi sintomi (come gonfiore, senso di pesantezza e pienezza post prandiale, ma anche bruciore di stomaco) che rendono difficoltosa la digestione e alterano l’equilibrio gastrointestinale;

Bruciore di stomaco

è una sensazione dolorosa di bruciore alla bocca dello stomaco causata da una sovrapproduzione di acidi gastrici;

Acidità di stomaco

indica un’eccessiva produzione di acido gastrico che può provocare semplici bruciori, ma può anche portare al reflusso gastroesofageo.

PERCHÉ SI VERIFICANO?

Anche lo stomaco invecchia, in maniera simile a pelle, muscoli e organi. In particolare, si riduce drasticamente la produzione di acidi gastrici. Questo significa che ci sono meno succhi per digerire gli alimenti ingeriti. A ciò si associa una minore mobilità delle pareti dello stomaco, che quindi fatica a compiere le sue funzioni e garantire una buona digestione.

consigli

  • Mangiare meno ma più spesso: è consigliabile fare 5 spuntini nel corso della giornata. In questo modo lo stomaco dovrà digerire meno cibo ogni volta. In generale, è meglio mangiare di più al mattino e meno alla sera, per non andare a dormire appesantiti e favorire così l’insorgere del bruciore;

  • Va bene mangiare di tutto (a meno di intolleranze specifiche) ma con moderazione e lentezza. Una corretta masticazione aiuta il lavoro dell’apparato digerente e semplifica l’azione dei succhi gastrici;

  • Assumere molti liquidi durante il giorno, come acqua, tisane e spremute. Le persone più avanti con gli anni sono infatti più soggette a disidratazione, e devono bere di più per reintegrare i liquidi persi.