Questo sito utilizza cookie (propri o di altri siti) per salvare informazioni e tracciare dati di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok

BRUCIORE DI STOMACO IN GRAVIDANZA

Momenti speciali da vivere senza difficoltà

3° TRIMESTRE

Il terzo trimestre della gravidanza, che inizia a partire dalla ventottesima settimana, è la fase finale del viaggio che la mamma e il bambino hanno percorso insieme ancora prima di conoscersi. L’ultima tappa di un percorso bello, felice, a volte difficile, ma sempre tenero e stupendo, alla luce della meta finale che sta per essere raggiunta.

COSA SUCCEDE NEL TERZO TRIMESTRE?

Nonostante sia il periodo più bello, possono comunque ripresentarsi alcuni piccoli fastidi sia emotivi, come ad esempio il normale timore del parto, sia fisici, come l’ingombro fisico e la fatica dovuta all’aumento di peso. Anche le problematiche legate allo stomaco si sommano a questi disagi e talvolta possono essere davvero fastidiose: il cibo può diventare fonte di disagio, aumentano i problemi di digestione, il bruciore e l’acidità di stomaco.


PERCHÉ SI VERIFICA?

Le cause sono diverse, ma è normale che si verifichino in una condizione di equilibrio ormonale alterato come la gravidanza:

  • Lo svuotamento gastrico risente ancora dell’influsso del progesterone, l’ormone che favorisce un corretto sviluppo della gravidanza;
  • La digestione rallenta e la valvola che collega lo stomaco all’esofago, il cardias, può diventare leggermente incontinente. Non funzionando più alla perfezione, può causare la risalita di succhi gastrici dallo stomaco. Questo provoca la tipica sensazione di bruciore allo sterno che alcune future mamme avvertono;
  • L’utero continua a crescere, fino ad arrivare sotto l’arcata costale. In questo modo, però, provoca una compressione dello stomaco verso l’alto, impedendo il completo riempimento e provocando quella tipica sensazione di “pienezza” che può risultare sgradevole e talvolta debilitante.


COSA POSSO FARE?

L’importante, prima di tutto, è mantenere la serenità e continuare a godersi questo periodo davvero unico. Questi piccoli disturbi sono tipici della gravidanza, e causano disagi a volte non semplici ma comunque passeggeri. Quindi non sottovalutare nulla ma non preoccuparti, si tratta di piccoli problemi che possono essere risolti senza troppi timori. Cerca di non considerare il cibo, o il momento dei pasti, con eccessiva ansia. Alcuni consigli possono essere utili a prevenire o alleviare questi fastidi e vivere l’ultima tappa del viaggio con la giusta serenità:

  • Alimentazione: fai pasti frequenti ma non troppo abbondanti (ad esempio 3 pasti principali e due spuntini); bevi poco ma spesso; evita cibi acidi (come pomodori, agrumi, succhi), piccanti oppure bollenti; consuma con moderazione alimenti come zenzero, liquirizia, menta o bevi un bicchiere di latte quando si presenta il bruciore di stomaco;
  • Riposo: è bene fare attenzione alla posizione in cui si dorme. Questa non deve essere esattamente supina, cerca ad esempio di coricarti di lato o con la testa sollevata da un ulteriore cuscino in modo da avere una posizione leggermente più eretta, così da contrastare il ristagno di materiale acido e la sua risalita lungo l’esofago. Ricordati di non andare a letto subito dopo mangiato;
  • Abbigliamento: vestiti in modo comodo, senza vestiti che premano sulla pancia rischiando di peggiorare la situazione.


PERCHÉ BIOCHETASI?

In questo periodo Biochetasi può essere d’aiuto alle le donne in gravidanza che manifestano problemi allo stomaco. Biochetasi, formulato con citrati e vitamine, è in grado di contrastare i disturbi gastrici. In particolare aiuta a ripristinare la normale funzione dell’apparato digerente e dei processi metabolici agendo sull’eccesso di acidità con citrati e carbonati, sui processi digestivi con le Vitamine B1 e B2 e riducendo la sensazione di nausea con la Vitamina B6.

BRUCIORE DI STOMACO? SCOPRI DI PIÙ SUI PRODOTTI CONSIGLIATI BIOCHETASI