1. Home
  2. News
  3. Mal di pancia, diarrea, vomito nei bambini: quando i bambini somatizzano

Mal di pancia, diarrea, vomito nei bambini: quando i bambini somatizzano

mal-di-pancia-diarrea-vomito-nei-bambini-quando-i-bambini-somatizzano-1-biochetasi

I mal di pancia dei bambini, talvolta accompagnati anche da diarrea e vomito, possono essere i tipici sintomi di un’indigestione occasionale, di un’intossicazione da cibo, di un virus gastrointestinale, di un’appendicite o di qualche altro malessere che si può individuare insieme con il pediatra.

Ci sono anche dei mal di pancia, però, che non dipendono affatto da una causa organica, ma sono riconducibili a cause psicologiche ed emotive.
Anzi, sembra che solo una piccola percentuale dei mal di pancia dei bambini sia riconducibile a cause organiche.

I Dolori Addominali Ricorrenti ( D.A.R.)

Con Dolori Addominali Ricorrenti (D.A.R) si classifica un mal di pancia che:

  • ha una ricorrenza mensile
  • si ripete per almeno tre mesi di seguito
  • insorge senza una causa apparente
  • viene localizzato all’altezza dell’ombelico
  • si manifesta con un dolore non troppo intenso
  • ha una durata inferiore alle tre ore
  • modifica le usuali attività del bambino

I DAR tipicamente sono in età scolare, si manifestano soprattutto in età prepuberale.

Un dato molto interessante è che solo il 10 per cento dei bambini che soffrono di DAR presenta una causa organica e che il più delle volte si presenta quando bisogna andare a scuola o all’asilo.

Il mal di pancia psicosomatico

Per i bambini la pancia è un modo per esprimere il disagio in modo indiretto, incanalando nel corpo un malessere psichico. Il corpo per il bambino è uno strumento che può esprimere una sofferenza psicologica prima del linguaggio.

I bambini che hanno frequenti mal di pancia somatizzano  stati emotivi come:

  • gelosia
  • difficoltà con i propri compagni
  • paura
  • rabbia

Sono malesseri psicologici spesso concomitanti ad eventi e situazioni stressanti: separazioni dei genitori, paura di andare a scuola se c’è una situazione che li mette a disagio, se non vogliono fare un compito di cui hanno paura, se ci sono dei compagni da cui si sentono tenuti in disparte.

Il mal di pancia è anche un modo per richiedere attenzione e affetto da un genitore.

Come va affrontato

Il mal di pancia psicosomatico in età pediatrica va affrontato dai genitori con la stessa serietà con cui si affronta quello che ha origini organiche.

È una modalità di comunicazione tipica di quando si è molto piccoli, ma con la crescita è importante insegnare al bambino a gestire le emozioni negative, elaborandole e comunicandole.

Occorre che i genitori credano al suo dolore, che esiste anche se la sua origine è psichica, e che non lo minimizzino. È importante che i genitori cerchino di capire il significato che il mal di pancia ha per il proprio figlio, qual è il “vantaggio” che pensa di ricavarne e aiutarlo a trovare strategie diverse per affrontare il disagio e lo stress.

Il sintomo per comunicare disagio

mal-di-pancia-diarrea-vomito-nei-bambini-quando-i-bambini-somatizzano-2-biochetasiIl bambino può scaricare il suo disagio psicologico su diversi organi.
I disturbi psicosomatici più ricorrenti sono collegati a quattro grandi famiglie di sintomi:

  • Mal di testa
  • Sintomi respiratori
  • Dermopatie
  • Sintomi gastrointestinali

Ognuna di queste manifestazioni comunica dei disagi specifici.
Se i genitori si mettono in ascolto dei sintomi dei loro figli possono conoscerne bisogni e paure, possono aiutarli a riconoscere le emozioni, a regolarle e ad esprimerle: una condizione fondamentale per essere un bambino felice e diventare un adulto felice.