1. Home
  2. Cosa cura
  3. Bruciore di stomaco
  4. Bruciore di stomaco, cosa mangiare

Bruciore di stomaco, cosa mangiare

Tecnicamente definito come pirosi gastrica, il bruciore di stomaco si conferma essere uno dei disturbi più diffusi. Uno dei fattori fondamentali nella prevenzione e nella cura del bruciore di stomaco è una sana e corretta alimentazione.
E’ opportuno perciò adottare una dieta alimentare sana e naturale, adatta all’età, alla costituzione, conforme alle esigenze di vita di ognuno, senza cibi inutili e tossici.

Bruciore di stomaco, dopo mangiato

Il fastidioso, doloroso, bruciore di stomaco interviene normalmente dopo aver mangiato.

Può essere occasionale, quando si esagera con le quantità di cibo, durante il pranzo o durante la cena, complice la cucina particolarmente condita della mamma, gli azzardati esperimenti culinari del marito o i golosi intingoli della moglie.  Oppure si può trattare di un fastidio permanente, cronicizzato, quando lo stile di vita quotidiano mette ogni giorno a dura prova lo stomaco.
Insieme a stress e ansia, l’alimentazione sbagliata gioca un ruolo di primo piano nel causare la pirosi gastrica.

Cibi da evitare

Sono da evitare rigorosamente e in egual misura sia i fritti che le cotture prolungate e pesanti.
In sostanza la dieta anti-acidità dovrà essere povera di tutti quegli alimenti che permangono a lungo nello stomaco, tra cui vi sono i formaggi stagionati, gli insaccati, il cioccolato, mentre deve essere ricca di alimenti che si digeriscono facilmente.
Vietati anche gli alimenti naturalmente acidi: l’aceto, gli agrumi, le spezie piccanti, la frutta secca, il pomodoro.
Bere molto va bene, ma bisogna evitare:

  • le bibite gassate
  • il vino bianco
  • gli alcolici
  • il succo di pomodoro o di agrumi
  • il thè, il caffè o la cioccolata, che accentuano l’acidità

Cibi consigliati

Deve essere ben chiaro che, contro il bruciore di stomaco, la dieta svolge un ruolo fondamentale.
L’obiettivo principale è mangiare cibi semplici, con cotture leggere che preservino le loro qualità nutritive, senza appesantirli.

Gli alimenti vanno consumati preferibilmente a crudo, lessati o cotti a vapore.

I pasti, inoltre, non devono essere troppo ricchi né troppo abbondanti: questa norma è valida sempre, ma soprattutto la sera.
Consumare cinque piccoli pasti al giorno sarebbe ideale: colazione, pranzo e cena più due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. L’abitudine ai pasti piccoli e frequenti aiuta a tenere a bada l’acidità di stomaco che aumenta nei periodi di digiuno prolungato.

Altra buona regola è mangiare lentamente, masticando a lungo il cibo: non va infatti dimenticato che il primo passo di una buona digestione comincia proprio in bocca.

Tra gli alimenti che si sono rivelati utili per alleviare i sintomi della pirosi gastrica ci sono:

  • carote
  • patate
  • zenzero
  • avena
  • banane
  • finocchio
  • melone
  • cavoli
  • broccoli
  • cavolfiori
  • sedano
  • prezzemolo
  • riso
  • pasta all’olio

Una dieta ricca di fibre è perfetta: contribuisce a eliminare le tossine e migliora la salute e l’efficienza dell’apparato digerente. Sì dunque a cereali integrali, alla crusca e ai fiocchi d’avena. Anche il consumo di aloe e mucillagini (per esempio le alghe) allevia il bruciore di stomaco.
Gli alimenti proteici vanno cotti in modo leggero, sgrassati per bene, senza usare spezie piccanti, vino o limone durante la cottura.
Utili sono anche le tisane per lo stomaco che aiutano a lenire acidità, bruciore, cattiva digestione e gastrite: a base di carciofo, tarassaco, cumino, malva e finocchio.
Attenzione a menta, latte e bicarbonato che spesso sono considerati rimedi casalinghi efficaci, ma tamponano sul momento, rischiando poi di peggiorare la situazione. Se il bruciore di stomaco non passa, è bene recarsi dal proprio medico per capire a fondo, con esami, di cosa si tratta.

 

Cosa mangiare a colazione

Una delle prime indicazioni quando si soffre di bruciore di stomaco è quella di intervenire sul consumo di caffè. Trattandosi di una bevanda che aumenta la produzione dei succhi gastrici è decisamente da evitare, così come il tè e il cioccolato.

In alternativa si consigliano tisane, infusi e camomilla che non stimolano la produzione di succhi gastrici e svolgono un’importante attività rilassante e calmante per lo stomaco.

Un buon consiglio per la colazione è quello di inserire nella propria alimentazione la frutta secca, il riso soffiato e i cereali. Inoltre, è bene ricordare che per contrastare il bruciore di stomaco a colazione sono da evitare i cibi troppo zuccherati, ma anche quelli eccessivamente salati.

Sono quindi privilegiare marmellate a basso contenuto di zuccheri (evitando però quelle agli agrumi), lo yogurt magro e il latte parzialmente scremato. Si consiglia di introdurre dolci a base di farine integrali o farina di riso, ideali soprattutto se si riesce a prepararli in casa.
Per quanto riguarda lo zucchero è preferibile quello di canna o di cocco, meno raffinati e più salutari per lo stomaco rispetto a quello classico, oppure si può scegliere lo sciroppo di agave che si rivela utile anche per il trattamento delle infiammazioni alle pareti interne dello stomaco.

Cosa mangiare a pranzo .

Ottimo un piatto di pasta leggero nei condimenti, accompagnato da verdure, tra cui sono da privilegiare la lattuga, il finocchio, le carote, le zucchine e il sedano.

Sono da evitare vino o bevande industriali e gassate, mentre sono da privilegiare delle buone tisane calde.

Evitare inoltre, come base di ogni buona dieta salutare, di consumare la frutta dopo il pranzo, preferendola come spuntino.

Cosa mangiare a cena

La cena andrebbe aperta con un appetitoso piatto di verdura. Le verdure a foglia verde, come la lattuga e la rucola sono in grado di calmare i bruciori causati dall’acidità.

Meglio non aggiungere cipolla o pomodoro all’insalata, limitando i formaggi e evitando condimenti acidi. La cosa migliore è condire con un po’ di sale ed olio d’oliva. Un’ottima aggiunta è il sedano, perché contiene molta acqua ed è un’eccellente fonte di fibre.

La cena può proseguire con un pugno di riso – in alternativa anche il bulgur, il cous cous e la semola – accompagnato da carni bianche, preferibili quando si soffre di bruciore di stomaco, ma solo se cotte al forno, alla griglia, bollite o saltate.
Meglio non friggerle.
Anche per il pesce e i frutti di mare le regole sono uguali: niente frittura. Ottimi i calamari e il salmone, selvaggi e non d’allevamento.
Evitare di coricarsi subito dopo il pasto.

 

Cosa mangiare in gravidanza

Il bruciore di stomaco è uno dei disturbi più comuni in gravidanza insieme alla nausea: una fastidiosa sensazione di acidità e bruciore alla bocca dello stomaco.

Anche in gravidanza bisogna evitare i cibi a rischio: fritti, speziati, cibi troppo acidi come i pomodori, agrumi e succhi di frutta, a prodotti come cioccolato tè caffè, menta e bevande gassate e zuccherate.

Ottime invece le tisane a base di malva e camomilla che aiutano lo stomaco a rilassarsi o ne proteggono la mucosa.
E’ consigliata una dieta che punti a pasti leggeri e frequenti. Infatti più lo stomaco è pieno e maggiori sono le probabilità che il suo contenuto acido riesca a risalire.

L’ideale è suddividere i pasti della giornata in cinque volte al giorno: colazione, pranzo e cena, più due spuntini.

Rimedi

Per contribuire a normalizzare i processi digestivi può essere d’aiuto l’integratore alimentare Biochetasi Digestione e Acidità, in compresse masticabili e buse di granulato, a base di enzimi digestivi, finocchio, carciofo, polvere di riso e citrati. L’azione sinergica del mix equilibrato degli ingredienti contribuisce a normalizzare il processo digestivo in diverse fasi:

  • agisce sul senso di gonfiore e sulla pesantezza allo stomaco;
  • favorisce la corretta funzionalità del sistema digerente;
  • controlla l’acidità gastrica.

Bruciore di stomaco? Scopri di più sui prodotti consigliati Biochetasi