1. Home
  2. Cosa cura
  3. Disturbi gastrici in gravidanza
  4. Come si riconosce la nausea gravidica

Riconoscere la nausea gravidica

Uno tra i primi sintomi della gravidanza è un senso di nausea che accompagna la futura mamma soprattutto nel primo trimestre di gravidanza.
La nausea è un disturbo molto comune tra le donne incinta, anzi quello più noto e più comune.
Se poi si presenta insieme alla stanchezza, ed entrambe non hanno altri motivi apparenti per essere giustificati, è logico ipotizzare di essere incinta.

Viene chiamata nausea mattutina ed è accompagnata da altri sintomi che possono far ipotizzare alla donna che ne risente, prima di ogni analisi, lo stato di gravidanza.

Generalmente potete avvertire la nausea non appena vi svegliate. Poi, col passare della giornata dovrebbe migliorare, ma in proposito le esperienze sono differenti. Per molte donne la nausea compare in qualunque momento della giornata e può durare anche tutto il giorno.

Man mano che alla nausea si aggiungono gli altri sintomi, il sospetto di gravidanza diventa una certezza

Come fare a capire che si è incinta?

Esistono diversi sintomi che potrebbero essere indicativi di un’eventuale gravidanza. Sono segnali che differiscono da una gravidanza all’altra e dalla fisiologia di ogni persona.

Per molti di questi sintomi è responsabile l’ormone della gravidanza, la gonadotropina corionica, chiamata più comunemente beta-hCG che viene prodotta dallo strato di cellule presenti all’inizio dello sviluppo embrionale e che darà origine alla placenta, nel momento in cui l’embrione si impianta nell’utero. La quantità di hCG presente nell’organismo della donna in stato di gravidanza raddoppia ogni tre giorni fino a raggiungere il massimo livello alla dodicesima settimana. Ecco perché, in quel periodo della gestazione, nausee e altri disturbi presenti nel primo trimestre di gravidanza vanno via.

Se siete incinta, perciò, potrebbero manifestarsi alcuni dei segnali precoci di gravidanza che vedete elencati nel paragrafo successivo. Attenzione, però, potrebbe anche darsi che non abbiate questi sintomi e possiate comunque essere incinta. L’unico modo per accertarvene in modo definitivo rimane il test di gravidanza.

Quali sono i segnali precoci di gravidanza?

  • La stanchezza è uno dei sintomi maggiormente diffusi in gravidanza. Non si tratta di quella stessa stanchezza che accusate di solito dopo una giornata di lavoro, ma arriva in modo repentino e si alterna a giornate in cui ci si sente in grande forma. È causata dall’aumento dei livelli di progesterone nell’organismo.
  • L’addome può mostrare dei cambiamenti. Per effetto ormonale può diventare più gonfio e pesante.
  • Dopo circa 6 settimane di gravidanza si potrebbe sentire il bisogno di urinare più di frequente, soprattutto nei giorni che precedono la mancata mestruazione. È una conseguenza dell’ingrossamento dell’utero che esercita una pressione maggiore sulla vescica. Dopo i primi tre mesi l’utero cambia posizione, si solleva, e riduce la pressione sulla vescica.
  • Durante i primi tre mesi potreste avere dei crampi alle gambe a causa di un cambiamento nel modo in cui l’organismo metabolizza il calcio.
  • Sin dai primi giorni del concepimento si può soffrire di mal di schiena, nella parte inferiore della spina dorsale.
  • Potreste soffrire di frequenti mal di testa.
  • Si può soffrire di emorragia nasale a cui si può ovviare mantenendo la giusta umidità nelle narici umidificando gli ambienti.
  • I cambiamenti ormonali potrebbero causare sbalzi di umore. Potreste avvertire momenti di grande felicità per poi subito dopo scoppiare a piangere, senza un motivo evidente.
  • Ci sono delle donne che durante la gravidanza possono soffrire d’insonnia che si può combattere con la riduzione di sostanze che contengono teina o caffeina o con delle tisane rilassanti.
  • Si acutizza la sensibilità agli odori. È più facile provare disgusto o nausea per un alimento o per un profumo che prima non provocava alcuna reazione.
  • Alterazioni del senso del gusto. È possibile che non abbiate più voglia di mangiare o bere cose che prima vi piacevano molto.
  • La stitichezza può essere anche un elemento da tenere in considerazione nell’ipotesi di essere in gravidanza, soprattutto se normalmente non ne soffrite. Gli ormoni possono rallentare le funzioni intestinali e causare la stipsi. Un rimedio efficace può essere quello di bere molta acqua e mangiare cibi ricchi di fibre. Anche l’attività motoria aiuta a contrastare il problema.
  • Gli ormoni della gravidanza possono influire sulla salute del tratto gastrointestinale provocando disturbi gastrointestinali e disturbi della digestione. Quindi, meglio evitare di mangiare cibi che potrebbero amplificare questo disturbo.
  • Temperatura basale. Tra i sintomi della gravidanza c’è l’aumento della temperatura del corpo che si avvicina ai 37°C.
  • Anche i cambiamenti al seno sono un segnale importante. Sin da subito gli ormoni innescano un cambiamento nelle ghiandole mammarie e nella struttura del seno, in funzione dell’allattamento.
  • L’assenza di mestruazioni è sicuramente il sintomo che dà maggiore certezza rispetto a tutti gli altri segnali come campanello di una possibile gravidanza, soprattutto se normalmente avete un ciclo mestruale regolare.

Iperemesi gravidica

Circa l’1% delle donne incinte può soffrire di iperemesi gravidica, una forma acuta di nausea e vomito. Di solito viene attribuita ad un rapido aumento dei livelli di estrogeni o dell’ormone della gravidanza.  È uno stato che prosegue oltre il primo trimestre di gravidanza e in alcuni casi è molto grave e chi ne soffre non riesce a trattenere alimenti o liquidi tanto da disidratarsi progressivamente e perdere peso. È una condizione che può essere gestita e che solo eccezionalmente determina complicazioni per la gravidanza. Ad ogni modo, se si accusa un forte senso di nausea è meglio consultare il proprio medico curante.

Rimedi, i medicinali anti nausea

Per combattere la nausea durante la gravidanza si può ricorrere, al bisogno, a medicinali da banco come Biochetasi granulato effervescente utile a  combattere la nausea e alcuni stati ad essa collegati.
Agisce disintossicando l’organismo e ripristinando la normale funzione dell’apparato digerente e dei processi metabolici grazie ai suoi principi attivi: l’acido citrico, il citrato di sodio e di potassio che agiscono come antiacidi e disintossicanti; la vitamina B1B2- B6 che contribuiscono al normale metabolisno energetico .
Si possono prendere due bustine di granulato, tre volte al giorno, da sciogliere in mezzo bicchiere di acqua naturale a temperatura ambiente.

Quali rimedi per la nausea?

Ecco, di seguito, alcuni consigli utili per tenere a bada la nausea in gravidanza.

Dato che il senso di nausea è sostanzialmente causato dai cambiamenti ormonali che influiscono anche su l’accelerazione del metabolismo e determinano cali di zucchero, nella vostra dieta quotidiana comprendete sempre carboidrati, come cereali, pane, riso, patate e pasta.

Non fate pasti troppo pesanti né troppo grassi e proteici.

Rinunciate a:

  • fritture
  • latte intero
  • formaggi troppo grassi
  • dolci troppo cremosi

 

  • Distribuite le calorie giornaliere in tre pasti principali e tre spuntini.
  • Tra gli alimenti che contrastano la nausea c’è lo zenzero che si può consumare in diversi modi. Grattugiatelo e mettetelo in un pentolino con dell’acqua che lascerete bollire per qualche minuto. Dopo averlo filtrato, bevetelo a piccoli sorsi. Lo si può usare anche in combinazione con altre erbe, come la camomilla, il miele e il limone.
  • Bevete molta acqua lontano dai pasti e a piccoli sorsi.
  • Ottima anche la tisana al finocchio, menta e camomilla.
  • Ricordate che le mandorle sono uno snack anti nausea.
  • Potete assumere magnesio che riequilibra gli ormoni e rilassa corpo e mente, riducendo anche affaticamento e stress.
  • Non dimenticate di fare attività motoria. Vanno bene anche delle semplici passeggiate per aiutare la digestione.

Nausea gravidica? Scopri di più sui prodotti consigliati Biochetasi